Lasciò detto il povero nonno di Italo Spada – recensione di Rita Caramma

La Sicilia – 09/05/2018

“Lasciò detto il povero nonno – Saggezza antica nei proverbi de I Malavoglia di Verga”” è la nuova fatica letteraria di Italo Spada. L’apprezzato poeta, narratore e critico cinematografico acese, connaturato a Roma,  ci presenta un testo che riconferma ancora una volta l’amore dello scrittore per la terra di Sicilia. Realizzato con il patrocinio del Gruppo di servizio per la letteratura giovanile e con in copertina un’immagine tratta dal film “La terra trema” di Luchino Visconti, il libro vanta la prefazione di Bruno Telleschi e si rifà alla saggezza verghiana per uno studio vincente e  nuovo che Spada ci propone.

Lo stesso autore, nella premessa al testo, così scrive: “Proverbi e motti degli antichi si inseriscono nel linguaggio e nella vita di un paese con l’autorità della legge che sancisce un fatto, non ha bisogno di consensi e non ammette discussioni. E’ così che gli insegnamenti degli antenati diventano punti fermi indimostrabili (non perché non si possono dimostrare, ma perché non hanno bisogno di dimostrazione) che regolano rapporti e azioni. C’è in essi qualcosa di filosofico e di sacro  I proverbi sono ricchezza lasciata in eredità da chi non c’è più a chi ha preso il loro posto”.

Un modo sempre valido  di guardare al presente  con gli occhi attenti  di chi ha vissuto il passato.

                                  Rita Caramma

cop-italo

Senza categoria

Informazioni su Rita Caramma

Giornalista, scrittrice, poeta, autrice di testi teatrali, critico letterario e d'arte contemporanea. Collabora, tra l'altro, con "La Sicilia", "Art a part of culture" e "Frammenti di pace". Pubblicazioni: per la poesia "Nella mia ricca solitudine" ( Il Filo - Roma - 2005), "Retrospettive dell'inquietudine" (Zona - Arezzo - 2008), la poesia in rima "Il ragno" (Artencircolo - Acireale - 2007). Per il teatro: "Vestale di maschere" (Zona - Arezzo - 2010). Il 2016 è l'anno dell'autoantologia poetica "Ti parlero' d'amor" (Drepanum - Trapani). Per la narrativa "Tecla" (Youcanprint ed. 2017). E' appena edita la raccolta di poesie "Parole di carta, parole di cartone" (Youcanprint ed.) . Ha curato la raccolta di poesie "Sicilia tra versi sparsi" (Giulio Perrone ed.) e la raccolta di racconti "Voci di Sicilia". Nel 2017 ha collaborato all'ottimizzazione dei testi per dieci documentari sugli immigrati italiani a Mar del Plata per una produzione italo-argentina. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti letterari a livello nazionale e internazionale, tra questi, nel 2010 il premio "Ercole Patti". Per contatti, potete andare sul profilo omonimo di facebook o sulla pagina di cultura e spettacolo della stessa, sempre su facebook, dal titolo "Qualcosa da dire", oppure potete scrivere a ricaram@libero.it

Precedente Luoghi d'Europa (La Vita felice) - recensione di Rita Caramma Successivo Sempredisabato di Maria Grazia Lala - recensione di Rita Caramma