Luoghi d’Europa (La Vita felice) – recensione di Rita Caramma

La Sicilia – 13/04/2018

E’ dedicata al Vecchio Continente  e alle  sue lingue l’antologia poetica internazionale “Luoghi d’Europa” (La Vita Felice ed.), a cura di Lino Angiuli e Diana Battaggia, realizzata con il patrocinio della Fondazione Roma – Arte – Musei. In questo ricco e originale volumetto, il terzo di un progetto che ha già visto impegnati i curatori,  s’incontrano i versi ora in inglese, ora in polacco, ora in serbo ora in bulgaro, tutti tradotti in lingua italiana, dei poeti partecipanti, che creano  un crocevia di incontri sulla strada maestra da seguire che è quella della composizione poetica per conoscere e amare le differenze linguistiche, proprio nelle loro accezioni, appassionanti e coinvolgenti.

convivenze che solo la poesia può aspirare a ricomporre. (…)”.

Diviso in due sezioni, il testo vede una primScrive Daniele Maria Pegorari nella sua prefazione che “(…) La curiosità per le differenze, piuttosto che la crociate dell’omologazione è lo spirito dell’intero trittico antologico e, in particolare, di questo volume che lo conclude, in cui le traduzioni sono ricreazioni e gli stessi originali, lungi dall’essere certificati di una purezza originaria incorrotta, sono monumenti di un’oramai             millenaria sedimentazione di culture, scontri, a parte  dedicata alla visitazione delle identità originarie, mentre la seconda evidenzia l’alterità e l’incrocio.

                               Rita Caramma

luoghi-deuropa-297606

 

Senza categoria

Informazioni su Rita Caramma

Giornalista, scrittrice, poeta, autrice di testi teatrali, critico letterario e d'arte contemporanea. Collabora, tra l'altro, con "La Sicilia", "Art a part of culture" e "Frammenti di pace". Pubblicazioni: per la poesia "Nella mia ricca solitudine" ( Il Filo - Roma - 2005), "Retrospettive dell'inquietudine" (Zona - Arezzo - 2008), la poesia in rima "Il ragno" (Artencircolo - Acireale - 2007). Per il teatro: "Vestale di maschere" (Zona - Arezzo - 2010). Il 2016 è l'anno dell'autoantologia poetica "Ti parlero' d'amor" (Drepanum - Trapani). Per la narrativa "Tecla" (Youcanprint ed. 2017). E' appena edita la raccolta di poesie "Parole di carta, parole di cartone" (Youcanprint ed.) . Ha curato la raccolta di poesie "Sicilia tra versi sparsi" (Giulio Perrone ed.) e la raccolta di racconti "Voci di Sicilia". Nel 2017 ha collaborato all'ottimizzazione dei testi per dieci documentari sugli immigrati italiani a Mar del Plata per una produzione italo-argentina. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti letterari a livello nazionale e internazionale, tra questi, nel 2010 il premio "Ercole Patti". Per contatti, potete andare sul profilo omonimo di facebook o sulla pagina di cultura e spettacolo della stessa, sempre su facebook, dal titolo "Qualcosa da dire", oppure potete scrivere a ricaram@libero.it

Precedente Respiri migranti - Nuovo spettacolo di Rita Caramma Successivo Lasciò detto il povero nonno di Italo Spada - recensione di Rita Caramma