Nella bottega del Caravaggio di Raffaele Messina – recensione di Rita Caramma

E’ un libro dalle piccole dimensione, ma dai contenuti importanti, incorniciati da  una prosa scorrevole e colta: tal è “Nella bottega del Caravaggio” (Colonnese editore), di Raffaele Messina.

Docente, saggista, critico letterario, scrittore pluripremiato, l’autore ci regala un testo da non perdere che vede protagonista il giovane Minichiello, figlio di povera gente, che lavora nella bottega del controverso quanto inimitabile Michelangelo Merisi. Un intreccio bellissimo, a tratti poeticamente doloroso, con  lo sfondo disegnato da una Napoli che trasuda il fascino che le è proprio, ma impoverita dalla miseria materiale che, spesso, si trasforma in grettezza umana, tra quelle sfumature di grigio che solo l’estro creativo del Caravaggio era in grado di creare.

Un testo intenso e intrigante, impreziosito anche  da una pregevole  traduzione in lingua inglese e completato dall’annessa  biografia di uno dei pittori italiani più amati da critici e non.

                                                         Rita Caramma

caravaggio

Senza categoria

Informazioni su Rita Caramma

Giornalista, scrittrice, poeta, autrice di testi teatrali, critico letterario e d'arte contemporanea. Collabora, tra l'altro, con "La Sicilia", "Art a part of culture" e "Frammenti di pace". Pubblicazioni: per la poesia "Nella mia ricca solitudine" ( Il Filo - Roma - 2005), "Retrospettive dell'inquietudine" (Zona - Arezzo - 2008), la poesia in rima "Il ragno" (Artencircolo - Acireale - 2007) e "Gelsomina" Youcanprint - 2018). Per il teatro: "Vestale di maschere" (Zona - Arezzo - 2010) e "Respiri migranti" (CR. 2018). Il 2016 è l'anno dell'autoantologia poetica "Ti parlero' d'amor" (Drepanum - Trapani). Per la narrativa "Tecla" (Youcanprint ed. 2017). E' appena edita la raccolta di poesie "Parole di carta, parole di cartone" (Youcanprint ed.) . Ha curato la raccolta di poesie "Sicilia tra versi sparsi" (Giulio Perrone ed.) e la raccolta di racconti "Voci di Sicilia" (Giulio Perrone ed.). Nel 2017 ha collaborato all'ottimizzazione dei testi per dieci documentari sugli immigrati italiani a Mar del Plata per una produzione italo-argentina. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti letterari a livello nazionale e internazionale, tra questi, nel 2010 il premio "Ercole Patti". Per contatti, potete andare sul profilo omonimo di facebook o sulla pagina di cultura e spettacolo della stessa, sempre su facebook, dal titolo "Qualcosa da dire", oppure potete scrivere a ricaram@libero.it

Precedente L'albatro (Neri Pozza ed.) di Simona Lo Iacono - recensione di Rita Caramma Successivo Come note sospese sul tempo (Algra ed.) raccolta poetica di Gesuele Sciacca