Ritrovarsi (Guanda ed.) di Raffaele Messina – recensione di Rita Caramma

“La Sicilia” – pag. culturale nazionale – 24/08/2018

Un testo dove l’amore e la storia s’intrecciano in un dialogo simbiotico e simbolico fatto d’incontri, di personaggi, di attese e delusioni, specchio di una visione realistica che non viene mai meno.

Una narrazione dove la gioia del vivere si scontra con i fatti luttuosi della Seconda Guerra Mondiale e le Quattro giornate di Napoli che allontanano i sogni, ma non distruggono le speranze.

Sullo sfondo una Capri che fa sognare e una Napoli che fa riflettere per un amore adolescenziale quello di Francesco per Patrizia che non si placa, che non muore.

Questo e molto più in “Ritrovarsi” (Guida editori) di Raffaele Messina.

Docente e saggista, autore di racconti pubblicati in diverse antologie, componente di giuria in  numerosi premi letterari e collaboratore di riviste culturali,  l’autore è al suo romanzo d’esordio che coinvolge per la vitalità, l’attenzione e la coralità che lo caratterizza e che “accarezza” piacevolmente il lettore per l’eleganza e, nel contempo, la profonda analisi di un tempo non sempre facile da raccontare.

Una storia vivace che si snoda fra strade reali e percorsi interiori, dove la fioritura del tempo, lascia spazio alla nostalgia di giorni che, malgrado gli eventi, conservano  il sapore  leggero della giovinezza.

                            Rita Caramma

ritrovarsi

 

 

 

Senza categoria

Informazioni su Rita Caramma

Giornalista, scrittrice, poeta, autrice di testi teatrali, critico letterario e d'arte contemporanea. Collabora, tra l'altro, con "La Sicilia", "Art a part of culture" e "Frammenti di pace". Pubblicazioni: per la poesia "Nella mia ricca solitudine" ( Il Filo - Roma - 2005), "Retrospettive dell'inquietudine" (Zona - Arezzo - 2008), la poesia in rima "Il ragno" (Artencircolo - Acireale - 2007). Per il teatro: "Vestale di maschere" (Zona - Arezzo - 2010). Il 2016 è l'anno dell'autoantologia poetica "Ti parlero' d'amor" (Drepanum - Trapani). Per la narrativa "Tecla" (Youcanprint ed. 2017). E' appena edita la raccolta di poesie "Parole di carta, parole di cartone" (Youcanprint ed.) . Ha curato la raccolta di poesie "Sicilia tra versi sparsi" (Giulio Perrone ed.) e la raccolta di racconti "Voci di Sicilia". Nel 2017 ha collaborato all'ottimizzazione dei testi per dieci documentari sugli immigrati italiani a Mar del Plata per una produzione italo-argentina. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti letterari a livello nazionale e internazionale, tra questi, nel 2010 il premio "Ercole Patti". Per contatti, potete andare sul profilo omonimo di facebook o sulla pagina di cultura e spettacolo della stessa, sempre su facebook, dal titolo "Qualcosa da dire", oppure potete scrivere a ricaram@libero.it

Precedente La cruna (La vita Felice ed.) di Salvatore Contessini - recensione di Rita Caramma Successivo Ladri di merende (Cavinato ed. ) di Giuseppe Alticozzi