Tutta la vita che vuoi (Garzanti) di Enrico Galiano – recensione di Rita Caramma

 

La Sicilia – 12/07/2018

Nella vita è un docente, ma non un docente qualunque. E’ uno di quei professori che se hai la fortuna di incontrare tra i banchi di scuola, ti rivoluziona il modo di pensare, nel pur massimo rispetto del tuo.

Enrico Galiano è così, e come autore, ha riconfermato la sua capacità di parlare al cuore dei ragazzi.

Insegnate in una scuola di periferia, ha creato, tra l’altro,  la webserie “Cose da prof” che su Facebook ha superato i venti milioni di visualizzazioni e, nel 2015 è stato inserito nella lista dei 100 migliori insegnanti d’Italia dal sito Masterprof.it

“Tutta la vita che vuoi” (Garzanti ed.) riconferma, il successo del romanzo precedente, con spunti, emozioni, situazioni che mettono in primo piano un’età difficile come l’adolescenza e per poterla rinfrancare,  per potere superare, almeno in parte, dubbi, incertezze e delusioni.

Protagonisti tre giovani, accompagnati da elementi come un’auto rubata e una promessa da mantenere per una vicenda appassionante, coraggiosa, realistica e fuori dagli schemi. Una vicenda che palpita della vitalità di Giorgio, Filippo e Clo, ciascuno con le loro aspettative di vita, ciascuno con le proprie paure di viverle.

Un romanzo per i giovani, ma anche per gli adulti, magari per capire un po’ di più i propri figli.

                            Rita Caramma

cop-tutta-la-vita-che-vuoi

Senza categoria

Informazioni su Rita Caramma

Giornalista, scrittrice, poeta, autrice di testi teatrali, critico letterario e d'arte contemporanea. Collabora, tra l'altro, con "La Sicilia", "Art a part of culture" e "Frammenti di pace". Pubblicazioni: per la poesia "Nella mia ricca solitudine" ( Il Filo - Roma - 2005), "Retrospettive dell'inquietudine" (Zona - Arezzo - 2008), la poesia in rima "Il ragno" (Artencircolo - Acireale - 2007). Per il teatro: "Vestale di maschere" (Zona - Arezzo - 2010). Il 2016 è l'anno dell'autoantologia poetica "Ti parlero' d'amor" (Drepanum - Trapani). Per la narrativa "Tecla" (Youcanprint ed. 2017). E' appena edita la raccolta di poesie "Parole di carta, parole di cartone" (Youcanprint ed.) . Ha curato la raccolta di poesie "Sicilia tra versi sparsi" (Giulio Perrone ed.) e la raccolta di racconti "Voci di Sicilia". Nel 2017 ha collaborato all'ottimizzazione dei testi per dieci documentari sugli immigrati italiani a Mar del Plata per una produzione italo-argentina. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti letterari a livello nazionale e internazionale, tra questi, nel 2010 il premio "Ercole Patti". Per contatti, potete andare sul profilo omonimo di facebook o sulla pagina di cultura e spettacolo della stessa, sempre su facebook, dal titolo "Qualcosa da dire", oppure potete scrivere a ricaram@libero.it

Precedente Diario di bordo (RP ed.) di Giuseppe Chiavelli - recensione di Rita Caramma Successivo Il mio racconto "Tecla" (Youcanprint), versione aggiornata (aprile 2019) è nelle librerie